Projet Babel forum Babel
Contact - Règles du forum - Index du projet - Babéliens
INSCRIPTION - Connexion - Profil - Messages personnels
Clavier - Dictionnaires

Dictionnaire Babel

recherche sur le forum
Sicilianu (sicilien, siciliano) - Forum italien - Forum Babel
Sicilianu (sicilien, siciliano)
Aller à la page Précédente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Suivante
Créer un nouveau sujet Répondre au sujet Forum Babel Index -> Forum italien
Voir le sujet précédent :: Voir le sujet suivant
Auteur Message
nil



Inscrit le: 04 Aug 2008
Messages: 68
Lieu: Paris

Messageécrit le Monday 18 Aug 08, 10:44 Répondre en citant ce message   

non, non, je n'ai jamais lu de sicilien, seulement entendu parler, à Tunis il y a belle lurette. J'ai tenté une fois de lire un italien napolitain je crois ... le nom va me revenir (prochain message ... quand ?) mais j'ai baissé les bras ... bonne journée :)
- Carlo Emilio Gadda, le titre français du livre auquel je pense est "l'affreux pastis de la rue des merles". Maintenant, est-ce que c'est du napolitain ??? vu que C.Emilio Gadda était milanais ... je dois me tromper ...
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
nil



Inscrit le: 04 Aug 2008
Messages: 68
Lieu: Paris

Messageécrit le Monday 18 Aug 08, 12:40 Répondre en citant ce message   

[quote="giòrss"]onomatopeico da tup-tup[/quote]
vu ou plutôt entendu que les onomatopées ne sont pas identiques d'une langue à l'autre ; grazie, giorss
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
Luc de Provence



Inscrit le: 11 Jul 2007
Messages: 685
Lieu: Marseille

Messageécrit le Monday 18 Aug 08, 19:05 Répondre en citant ce message   

Le passé composé n'existe pas en sicilien car c' est un dialecte assez archaïque donc proche du latin qui ignorait le passé composé. En sicilien c'est le passé simple qui est employé.
En italien on dira " è venuto pocanzi " pour dire " il est venu tout à l'heure " alors qu'en sicilien on dira " ora-ora vinni ". Notons au passage qu'on place toujours le verbe à la fin comme en latin;
Le futur n'existe pas en sicilien. On emploiera la forme " dumani vegnu " ou bien " dumani aiu a vèniri " alors que les autres langues latines on joint le verbe avoir au verbe principal :
français je chanterai
italien canter(h)ò
espagnol cantar(h)é
En sicilien on dira " aiu a cantari " puisque on n'a pas imité les autres langues latines sinon on dirait canteraiu comme en corse ou canteraggio comme les napolitains.
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
giòrss



Inscrit le: 02 Aug 2007
Messages: 2784
Lieu: Barge - Piemont

Messageécrit le Tuesday 19 Aug 08, 10:16 Répondre en citant ce message   

"E' venuto pocanzi " si scrive, ma non si dice comunemente, perché si usa "è venuto un momento fa".

"Canteraggio" in napoletano attuale non credo che esista ancora.
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
Luc de Provence



Inscrit le: 11 Jul 2007
Messages: 685
Lieu: Marseille

Messageécrit le Tuesday 19 Aug 08, 22:08 Répondre en citant ce message   

Ho sentito più volte la forma aggio per il futuro napoletano ma saranno delle canzoni antiche cui cerchero' di rintracciare i testi.
Dice cosi' un professore : " Così il napoletano che fa aggio per ho, fa pure faraggio per farò. " .
Ma è vero che si tratta delle lezioni di linguistica del Professore Giovanni Flechia ( Università di Torino 1872-73 ).
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
giòrss



Inscrit le: 02 Aug 2007
Messages: 2784
Lieu: Barge - Piemont

Messageécrit le Wednesday 20 Aug 08, 10:26 Répondre en citant ce message   

Ahhhahahaha...si, di quel professore non esistono neppure più discendenti.

Faraggio è un arcaismo anche in toscano

Citation:
DI FOLCACHIERO DE'FOLCACHIERI CAVALIER SENESE. Anno 1206. Impressa nella raccolta dell'Allacci.

Tutto lo mondo vive sanza guerra Ed io pace non posso aver neiente. O Deo, come faraggio! O Deo, come sostenemi la terra! E'par ch'io viva in noia della gente: Ogni uomo m'è salvaggio: Non paiono li fiori Per me com'già soleano, E gli augei per amori Dolci versi faceano agli albori. E quando veggio gli altri Cavalieri Arme portare e d'amore parlando, Ed io tutto mi doglio: Sollazzo m'è tornato in pensieri; La gente mi riguardano parlando, S'io sono quello, che essere soglio. Non so ciò ch'io mi sia, Nè so perchè m'avvene Forte la vita mia: Tornato m'è lo bene in dolori. Ben credo, ch'eo finisco, e n'ho'ncomenza E lo mio male non porìa contare, Nè le pene ch'io sento. Li drappi di vestir non mi s'agienza, Nè bono non mi sa lo manicare, Così vivo in tormento, Nè so onde fuggire, Nè a cui m'accomandare: Convenemi soffrire Tutte le pene amare in dolzori. Eo credo bene, che l'Amore sia, Altro Deo non m'ha già a giudicare, Così crudelemente. Chè l'Amor è di tale signoria, Che le due parti a sè vuole tirare, E'l terzo è della gente. A Dio per ben servire S'io ragione trovasse, Tom. I. 2 Non doverìa fallire A lui così ch'i'amasse per cori. Dolce Madonna, poich'eo mi moraggio, Non troverai chi s'abbia in te servire Tutta sua volontate; Ch'unque non volli, nè vo', nè vorraggio Se non di tutto a fare a piacere Alla vostra amistate. Mercè di me vi prenda, Che non mi sfidi amando: Vostra grazia discenda, Però ch'eo ardo e incendo da fori.
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
Seapard



Inscrit le: 14 Aug 2007
Messages: 22
Lieu: Sicile

Messageécrit le Saturday 30 Aug 08, 22:08 Répondre en citant ce message   

.
La R eufonica è la D debole, quindi, nel parlare, una mezza R.
Facciamo esempi:

Ha ghiri p'a ghir' ar autu. = Devi andare verso l'alto.
Si Cicciu u rish' ar autrhu, m' affennu. = Se lo confidi ad altri, mi offendo.
Ha beniri ar aiutarimi. = devi venire ad aiutarmi.

Mettini nautr' anticchia er è kinu. = mettine un' altro po' ed è pieno.
Abbasta ch' u nominu, er eccu spunta iddhu. = Basta che lo nomini, ed ecco spunta lui.
Er era jornu! penza si fussi statu notti! = Ed era giorno! pensa se fosse stato notte!
.
.


Dernière édition par Seapard le Monday 23 Sep 13, 21:14; édité 5 fois
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
Seapard



Inscrit le: 14 Aug 2007
Messages: 22
Lieu: Sicile

Messageécrit le Tuesday 09 Sep 08, 23:52 Répondre en citant ce message   

- - - -Spero che tanti siciliani leggano questa pagina e che commentino i miei appunti con i moderatori dello staff del 'Forum des Babéliens'.
- - - -Le indicazioni fonetiche messe in risalto in questi appunti, i siciliani, parlando, le eseguono automaticamente. Ci vorrebbe chi conosce 'La Fonetica' in tutti i suoi aspetti per rendere merito all'incanto del 'Parlare Siciliano'.


Dernière édition par Seapard le Thursday 23 Aug 12, 22:45; édité 5 fois
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
Seapard



Inscrit le: 14 Aug 2007
Messages: 22
Lieu: Sicile

Messageécrit le Saturday 20 Sep 08, 2:16 Répondre en citant ce message   

-
Una delle caratteristiche della lingua siciliana è la 'N impregnante'.

In alcune consonanti variabili, quando seguono la 'N', avviene un mutamento fonetico:

- N D- si pronuncia N N-
Quando può succedere che la consonante modificata può dare adito a dubbio (denti / un nenti), i siciliani abbiamo un sensibilissimo gioco di lingua. La punta della lingua viene spinta leggerissimamente verso i denti finché la 'N modificata' perde un po' dell'assonanza nasale, ma non acquista ancora quella dentale.
--- - Veni cà, ca t'ha diri na cosa.= vieni che ti debbo dire una cosa.
--- - Unn niri nenti a nuddhu.= non dire niente a nessuno.

--- - U jornu ra spisa è dumani.= Il giorno di spesa è domani.
--- - Unn z'hav'a diri, un numani, ca fu' ghiò.= non si deve dire, un domani, che sono stato io.

- N G dura o N ' (G aspirata) diventa N Gh+i,u,o,a,e
Il velo palatino, è una membrana molle che quando la lingua gli si va ad appoggiare fa una ostruzione stagna tra i polmoni e l'aria esterna. Se però questo movimento di chiusura ed apertura viene fatto a scopo di pronuncia, si produce uno strano suono gutturale, attutito dalla morbidità della membrana.
Per paragone vediamo come nella parola italiana Anguria, in siciliano la 'G' viene pronungiata in fondo la palato, fino al lembo estremo della membrana, dove questo incolla-scolla produce il suono autoctono, arricchito molto della nasale 'N'.
--- - Stu jornu unn haiu ana ri travagghiari.= Oggi non ho voglia di lavorare.
--- - Ma cuannu sugnu n ghana travagghiu comu un mulu.= Ma quando la voglia ce l'ho lavoro come un mulo.

--- - Unn'è u attu nostru? = Dov'è il nostro gatto?
--- - vitti un ghattu no jardinu.= Ho visto un gatto in giardino.

--- - Ma chi hai na amma struppiata? = Che hai una gamba rotta?
--- - s'è n ghamma ci a fa a fallu sulu.= Se è in gamba ce la fa a farlo da solo.

- N G dolce (N J-) diventa N Gn-
Molti non l'accettano nello scrivere, ma in sicilia, questa consonante, è così che funziona.

--- - U jardinu / un gnardinu.= Il giardino / Un giardino
--- - ri jornu e n gnornu.= Di giorno in giorno
--- - Jucari / unn gnucari.= Giocare / non giocare
--- - U jimmu / un gnimmu.= la gobba / una gobba

- N S- diventa N Z- [Z dolce]
Anche qui non voglio fare commenti. Solo con la pratica ci si convince che questa non è una forzatura linguistica, ma il modo di esprimersi di un popolo che, chissà perché, viene spesso dimenticato dagli eruditi.
--- - I sishiliani scrivinu n zishilianu accussì.= In siciliano si scrive così.
--- - o unn zì bonu a fari ssa cosa?= Sei o non sei capace di fare quella cosa?

--- - Chi senzu havi? = Che senso ha?
--- - Un zenzu l'hav'aviri!= Un senso lo deve avere!



- N V- o N ' (v aspirata) diventa N M-
Esiste una regola fonetica dove 'quando la N precede una labiale, diventa M' ( M Palermu, m peri). Per cui:
io posso scrivere 'N mucca, nmernu, nmeshi' ma se scrivo 'M mucca, mmernu, mmeshi' non erro. Ma qui ci vuole la scuola, ed esercizi, e che si parli siciliano e lo si scriva!
--- - A Ucca: Ficu carimi n mucca!= La bocca: Fico cadimi in bocca (Per chi si lascia succedere le cose senza intervenire).

--- - Ha vushiari forti pi fariti sentiri! = Devi gridare forte per farti sentire.
--- - Unn mushiari chiù chi ti sintiu.= Non gridare più che ti ha sentito.
-
-


Dernière édition par Seapard le Monday 23 Sep 13, 21:19; édité 7 fois
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
Seapard



Inscrit le: 14 Aug 2007
Messages: 22
Lieu: Sicile

Messageécrit le Tuesday 30 Sep 08, 20:15 Répondre en citant ce message   

--
--
--Nella pronuncia della lingua siciliana, un meccanismo che genera effetti particolari è il colpetto di polmoni che viene dato prima o dopo una data sillaba.
--Questo colpo di polmoni lo possiamo sperimentare contraendo rapidamente il diaframma polmonare (muscolo che divide i polmoni dal cavo digerente), e bloccando subito la gola. Notiamo che in gola si forma un embrione di consonante sotto pressione, che modulato poi dalla bocca diventa TT, PP, SS, CC, CK, ecc..
--Ora vediamo con questo colpo di polmoni cosa succede nella pronuncia:

- - - - Segniamo il colpo di polmoni con questo segno:---[*]
- - - - Prendiamo una sillaba che può essere lunga ‘ū’ o breve ‘ǔ ‘:
- - - - - - - - = Chi (pronome)
- - - - - - - - = Con il (preposizione articolata)
- - - - - - - - = Con (preposizione)

--e facciamo degli esempi
- - - • Prima senza colpo di polmoni. Pronuncia piana e lunga:
- - - - - - - - Rimmi cū veni = dimmi chi viene.
- - - - - - - - Viri cū fù = Vedi chi è stato.
- - - - - - - - Pigghia u broru cū cuppinu = Prendi il brodo con il mestolo

- - - • Ora mettiamo la sillaba breve, e si crea un vuoto che viene riempito con un colpo di polmoni [*] che rafforza la consonante appresso:
- - - - - - - - Veni cū to carrettu = vieni con il tuo carretto. (debole, piana)
- - - - - - - - Veni [*] tto frati. = vieni con tuo fratello. (forte, doppia)

- - - - - - - - Joca cū me palluni. = Gioca con il mio pallone. (debole, piana)
- - - - - - - - Joca [*] mmia. = Gioca con me. (forte, doppia)

--E continuando:

- - - - - - - - Manciai [*] ppani e tumazzu. = ho mangiato con pane e formaggio.
- - - - - - - - U vitti nesciri [*] ffushili e cani. = l’ho visto uscire con fucile e cane.
- - - - - - - - Sherti cosi s’accattanu [*] nnenti. = alcune cose si comprano con pochi soldi.

--E questo vale per tutte le altre sillabe brevi:

- - - - - - - - Chiovi ă [*] ccelu apertu. = Piove a dirotto.
- - - - - - - - S' ammutti accussì [*] fforti mi fai cariri. = Se spingi così forte mi fai cadere.
- - - - - - - - Chistu mi pari chiù [*] lleggiu. = Questo mi sembra più leggero.
- - - - - - - - N Casa pani ĕ [*] ppasta unn hannu ă [*] mmancari. = in casa pane e pasta non debbono mancare.
- - - - - - - - Mizzica, chĭ [*] rrisati chi ni fishimu. = Quali risate che ci siamo fatti!
- - - - - - - - Tu ricu [*] ccertu. = Te lo dico con certezza.
- - - - - - - - U mpastu, si [*] ccerni a farina, veni chiù [*] mmegghiu. = l’impasto se cerni la farina viene migliore.

--Queste consonanti doppie si dovrebbero scrivere, e comunque vanno scritte ogni volta che può sorgere un dubbio sul significato acquisito dalla frase:

- - - - - - - - Rammilla ă [*] mmia. = dalla a me.
- - - - - - - - Rammilla, è ā mia. = Dammela, è la mia


- - - - - - - - - - - - - - _________________________________

--Questo fenomeno del rafforzamento della consonante con il colpo di diaframma acquista una valenza particolare con le consonanti variabili.

- - - • Con le sillabe lunghe, senza il colpo di polmoni le consonanti variabili sono deboli:
- - - - - - - o Vitti galleggiari nā utti nō shumi. = Ho visto galleggiare una botte nel fiume.
- - - - - - - o Si mancia l’ ugna chī renti, = si mangia le unghia con i denti.
- - - - - - - o Cū riri havi ū jocu n manu, = Chi ride ha il gioco in mano.

- - - • Quando c’è la sillaba breve, si forma la contrazione del diaframma che trasforma la consonante variabile debole in forte.
- - - - - - - o Chiùriti ā ucca! Arristasti ă [*] vvucca aperta? = Chiuditi la bocca! Sei rimasto a bocca aperta?
- - - - - - - o Chistu è [*] cciumi chi nautr’ anticchia arriva a chinata! = Questo è fiume che sta per arrivare la piena!
- - - - - - - o Ma chĭ [*] gghiocu stai fashennu? = Ma che gioco stai facendo?
- - - - - - - o Chista è [*] ghiurnata di jirisinni ă [*] mmari. = Questa è giornata da andarsene a mare.
- - - - - - - o Rammi i sordi! M’ [*] ddari i sordi! = Dammi i soldi! Mi devi dare i soldi!
--
--
--


Dernière édition par Seapard le Monday 23 Sep 13, 21:25; édité 4 fois
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
Seapard



Inscrit le: 14 Aug 2007
Messages: 22
Lieu: Sicile

Messageécrit le Saturday 04 Oct 08, 20:29 Répondre en citant ce message   

- - -
Nonostante tutti gli ingranaggi fonetici già esposti, c'è ancora qualcosa che esce fuori dai gàngheri: - - - - - - - B - - - D - - - G

- - -Dimenticate tutti i particolari che abbiamo trattato. Anche se seguono una sillaba lunga queste tre, quando sono consonanti stabili, si pronunciano sempre doppie:
- La B è già stabile di per se ed è sempre doppia sia all'inizio che in mezzo alla parola.
- Dati, Dijunu, Dammiggiana, Debbitu, Duluri, dutturi. In queste parole la D iniziale è Stabile quindi Pronunzia doppia, e lo stesso quando è interna alla parola.
- giacca, giallu, giarra, giarraffa, gibberna, giganti, gigghia, gigghiu, gilari, gilusia, giora, giurnali, gira, girannula, girari, giru, giseri, giubba, giubbottu, giuccu, giuricari, giuriziu, Giufà, giurgiana, giuggiulena, giugnu, giuiri, giulivu, giummarra, giummu, giunta, giurana, giurari, giurnali, giustizza, giustizia, giostra, giustu, giuvini, giuvari. Queste parole in 'G + i' hanno la G stabile e doppia, che non subisce la variazione fonetica cui sottostà invece la sua omonima Variabile debole J. In tante altre parole la G è stabile.

Esempi:
-Vitti galleggiari nā utti nō shumi. [Ricordi l'esempio?] - Vitti ggalleggiari nā utti nō shumi. [è la giusta pronunzia].
- Fari i scarpi cū ggiummu. = Fare le scarpe col fiocco (essere infedele).
- Va nō ddutturi. = Vai dal dottore.
- Jucamu chī ddati. = Giochiamo con i dadi.
- Jucamu ă llibbera tutti. = Giochiamo a liberi tutti.
- A (b)bishicletta havi a rota bbucata. = la bicicletta ha la ruota bucata.
- - -
- - -Particolari sulla pronuncia di queste consonanti si trovano nella pagina di questo sito: .terralab.it/sishilianu/Fonetica.htm.


Dernière édition par Seapard le Monday 23 Sep 13, 21:28; édité 3 fois
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
giòrss



Inscrit le: 02 Aug 2007
Messages: 2784
Lieu: Barge - Piemont

Messageécrit le Monday 01 Dec 08, 13:31 Répondre en citant ce message   

Canzoni siciliane :

Sicilia Chiangi canzone popolare che parla della pirateria mussulmana

http://it.youtube.com/watch?v=GINwBnVZ2_o&feature=related

Mi votu e mi rivotu

http://it.youtube.com/watch?v=6zCWLDS8xRo&feature=related

Anu mazzatu a cumpari Turiddu

http://it.youtube.com/watch?v=czMh_lTJbUg&feature=related

"Sicilia Patria Mia"

http://it.youtube.com/watch?v=88dXkRCEacs&feature=related
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
.:° Eva °:.



Inscrit le: 12 Dec 2008
Messages: 4
Lieu: Catane

Messageécrit le Friday 12 Dec 08, 20:20 Répondre en citant ce message   

Iu sugnu siciliana e pensu ccà u sicilianu è an'dialettu troppu beddu! E' l'unico ca canusciu e ca sacciu parrari,e pensu ca parrari in sicialianu in un forum francese arrinesci bonu, e fossi ni pò aiutari ppi sapiri cchiù cosi

[Maintenant je vais parler en Italian parce que je fais trop de confusion entre le Français et le Sicilien!]

Ecco un altro modo di dire siciliano che mi è venuto in mente.. Ten'accura = stai attento
Invece, di parole simili al Francese, ci sono:
Mustacchi = Mustaches = Baffi
Ammuàriu= Armoire = Armadio
All'antrasatta < all'antrasacca = je crois qu'en français est à l'entre sac ou quelque chose de similaire,parce que ça ne veut dire rien... en Italien --> di nascosto

C'è qualche somiglianza anche con lo Spagnolo, ad esempio nei pronomi personali soggetto:
Nuiàutri = nosotros = noi
Vuiàutri = vosotros = noi

Inoltre si è conservata anche qualche influenza Latina:
Cchi faciti? = dal verbo latino fàciere = che cosa fate?
Cchi diciti? = dal verbo latino dìcere = che dite?
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
Luc de Provence



Inscrit le: 11 Jul 2007
Messages: 685
Lieu: Marseille

Messageécrit le Friday 12 Dec 08, 21:30 Répondre en citant ce message   

Filici di 'ncuntrari na nova Babeliana ca prova ammuri pi la lingua italiana, lu dialettu sicilianu e la lingua francisa
E megghiu ca talii lu filu " le dialecte sicilen" ca criavi supra stu forum italiano ( pagine 2 ) ni lu misi d'Austu e accussi' amu a putiri discurriri insemula di li palori siciliani ca veninu di lu francisi...
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
giòrss



Inscrit le: 02 Aug 2007
Messages: 2784
Lieu: Barge - Piemont

Messageécrit le Saturday 13 Dec 08, 10:54 Répondre en citant ce message   

Nuiàutri = nosotros = noi
Vuiàutri = vosotros = noi

...ma è anche la forma piemontese torinese.

Mustacchi/Mostacchi/Mostacci, in lingua italiana, è parola che - comunque - si conosce.

http://www.etimo.it/?cmd=id&id=11322&md=34a0789c93872b57b9a85d93ff597f5d
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
Montrer les messages depuis:   
Créer un nouveau sujet Répondre au sujet Forum Babel Index -> Forum italien Aller à la page Précédente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Suivante
Page 5 sur 7









phpBB (c) 2001-2008