Projet Babel forum Babel
Contact - Règles du forum - Index du projet - Babéliens
INSCRIPTION - Connexion - Profil - Messages personnels
Clavier - Dictionnaires

Dictionnaire Babel

recherche sur le forum
Sicilianu (sicilien, siciliano) - Forum italien - Forum Babel
Sicilianu (sicilien, siciliano)
Aller à la page Précédente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Suivante
Créer un nouveau sujet Répondre au sujet Forum Babel Index -> Forum italien
Voir le sujet précédent :: Voir le sujet suivant
Auteur Message
giòrss



Inscrit le: 02 Aug 2007
Messages: 2778
Lieu: Barge - Piemont

Messageécrit le Saturday 20 Oct 07, 10:16 Répondre en citant ce message   

"astutari" vient de extutare, latin...c'est normal dans le sud
"atudar lo lum" en occitan

éteindre de extinguere

Je te conseille de lire le livre de Rohlfs Lingue e dialetti d'Italia


Dernière édition par giòrss le Friday 22 Feb 08, 1:54; édité 1 fois
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
Lou caga-blea



Inscrit le: 05 Sep 2006
Messages: 515
Lieu: Nissa

Messageécrit le Saturday 20 Oct 07, 10:26 Répondre en citant ce message   

Quant à racina, c'est ce qui est à l'origine de notre raisin ou de l'occ. rasim/raim. Les choix lexicaux du sicilien ne sont pas aberrants dans le cadre d'une langue romane.
Pour ceux qui voudraient se familiariser avec la saveur du sicilien, je vous conseille de lire les romans de Andrea Camilleri (essentiellement des romans policiers : je vous conseille notamment les aventures du commissaire Montalbano), écrits en italo-sicilien (avec un perpétuel code-switching d'une langue à l'autre). Je vous assure qu'on finit par tout comprendre, ou presque, à force de comparer les contextes dans lesquels les mots siciliens apparaissent.
Certains de ses romans ont été traduits : quelqu'un a-t-il lu les traductions françaises (qui s'efforcent d'être, au moins pour les versions proposées par une prof. de l'université Lyon III) de mêler une langue autre que le français (en l'occurrence, je crois, du franco-provençal, mais je ne suis plus sûr) ?
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
Luc de Provence



Inscrit le: 11 Jul 2007
Messages: 682
Lieu: Marseille

Messageécrit le Saturday 20 Oct 07, 10:55 Répondre en citant ce message   

http://www.vigata.org/dizionario/camilleri_linguaggio.html

voici le site qui énumère et explique le vocabulaire d'Andrea Camilleri.

Lorsque le Commissaire Montalbano ( dans la série télévisée que je regardais sur Raiuno ) frappe à une porte, il dit : " Il commissario Montalbano sono ! " . Il le dit en Italien mais place le verbe en fin de phrase ce qui est typiquement Sicilien et Latin.

En outre, on dit tuppuliari ( en Sicilien ) pour bussare ( en Italien ).
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
giòrss



Inscrit le: 02 Aug 2007
Messages: 2778
Lieu: Barge - Piemont

Messageécrit le Saturday 20 Oct 07, 12:06 Répondre en citant ce message   

onomatopeico da tup-tup
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
Luc de Provence



Inscrit le: 11 Jul 2007
Messages: 682
Lieu: Marseille

Messageécrit le Sunday 17 Feb 08, 18:15 Répondre en citant ce message   

ammucciari = nascondere = dall'Antico Francese mucher
arrè = ancora, di nuovo, dal Francese arrière
arriminari = agitare col mestolo = dal Francese remuer
arrusciari = innaffiare = dal Francese arroser
custureri = sarto = dal Francese :prof: couturier
jisari = innalzare = dal Francese hisser
cirari = strappare = dal Francese déchirer
lueri = affitto = dal Francese loyer
manciaciumi o manciu = prudore = dal Francese démangeaison
muccaturi = fazzoletto = dal Francese mouchoir
racina = uva = dal Francese raisin
runfuliari = russare = dal Francese ronfler
stujari = pulire = dal Francese essuyer
vucceri = macellaio = dal Francese boucher
làriu = brutto = dal Francese laid
addumari = accendere = dal Francese allumer
accattari = comprare = dal Francese acheter
miremma = anche = dal Francese même
travagghiari = lavorare = dal Francese travailler
tuppu = crocchia, chignon, dal Francese toupet oggi chignon
jittari o jiccari = buttare, dal Francese jeter
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
giòrss



Inscrit le: 02 Aug 2007
Messages: 2778
Lieu: Barge - Piemont

Messageécrit le Monday 18 Feb 08, 0:44 Répondre en citant ce message   

Cuidadin...direbbero a Madrid.
Attenzione a non far passare tutto per francesismo.


manciaciumi o manciu = prurito (non prudore, come scrivi tu) --> nel Nord Italia è frequente "smangizioun"

runfuliari = russare ---> piem. "rounfé"

vucceri = macellaio = dal Francese boucher ---> ma esiste anche in catalano una parola simile e a Barcellona un quartiere "Boquerìa" (equivalente alla Vuccirìa di Palermo)

accattari = comprare = dal Francese acheter ---> ma esistono forme simili nei dialetti di mezza Italia, dal Nord al Sud...piem. "caté", pugliese "accattè".

miremma = anche = non viene dal francese, ma da una forma volgare romanza "midema" (frequente nel Nord Italia nel Medioevo), variante di "medema", contrazione di "medesima"

jittari o jiccari = buttare, dal Francese jeter...ma anche in toscano si dice "gettare"

Il che mi fa concludere che avesse ragione Rohlfs nel sostenere che il siciliano fosse una lingua neolatina artificiale e recente, formatasi dopo la riconquista, con forti apporti francesi e catalano-aragonesi, nonché con fortissime influenze del Nord Italia e in particolare di un'area precisa della attuale provincia di Alessandria, da dove arrivarono molti coloni, che occuparono le aree abbandonate dai mussulmani, secondo uno schema già sperimentato in Spagna.
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
Luc de Provence



Inscrit le: 11 Jul 2007
Messages: 682
Lieu: Marseille

Messageécrit le Monday 18 Feb 08, 7:24 Répondre en citant ce message   

Ogni volta che ho incontrato qualcuno che si chiamasse Lombardo si trattava sempre di.....un Siciliano !
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
giòrss



Inscrit le: 02 Aug 2007
Messages: 2778
Lieu: Barge - Piemont

Messageécrit le Monday 18 Feb 08, 12:59 Répondre en citant ce message   

Ti stupirà sapere che Lombardo è cognome frequente in Piemonte, nelle zone occitanofone, perché così si definivano nel Medioevo i piemontofoni.

In Sicilia, potrebbe essere stato ad indicare tutti i forestieri italiani. Nel Medioevo, per esempio, i Campani e i Pugliesi si definivano comunemente Lombardi.

Al Nord, il Piemonte era Lombardia Neustria, in contrapposizione alla attuale Lombardia, detta Lombardia Austria.

Il termine Piemonte si diffonde solo nel secolo XV.
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
Luc de Provence



Inscrit le: 11 Jul 2007
Messages: 682
Lieu: Marseille

Messageécrit le Tuesday 19 Feb 08, 0:16 Répondre en citant ce message   

Ecco cosa si scrive sulla città di Novara di Sicilia nel suo sito comunale :
"1061-72, si insedia una colonia di lombardi, di religione cattolica con rito latino, probabilmente nei luoghi in cui sorge l’attuale paese."
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
giòrss



Inscrit le: 02 Aug 2007
Messages: 2778
Lieu: Barge - Piemont

Messageécrit le Tuesday 19 Feb 08, 0:33 Répondre en citant ce message   

Anche qui, si tratta di Lombardi in senso lato.
Certamente, venivano dal Nord, ,ma quasi sicuramente dalla zona compresa tra l'Alessandrino appenninico (che costituiva parte del Monferrato), il Genovesato e il Piacentino.

http://it.wikipedia.org/wiki/Galloitalico_di_Sicilia
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
Seapard



Inscrit le: 14 Aug 2007
Messages: 22
Lieu: Sicile

Messageécrit le Thursday 27 Mar 08, 5:03 Répondre en citant ce message   





In siciliano abbiamo due tipi di R :

  • R BASE

  • R DERIVATA


_______________


La consonante "R Derivata" Si pronuncia e si scrive R semplice, normale.
E può dipende da due casi:



  • O dalla "D debole" che viene pronunciata "R semplice", normale:




    • Veni rumani e nni parramu


      • (Rinforzata: - A festa è pi dumani. )


    • Accatta reshi ova ca fineru.


      • (Rinforzata: - Cu deshi ova ti fazzu na ran frittata. )





  • O dalla "R" che resta, quando nel gruppo "GR" la "G dura " è aspirata: 'R .
    La pronuncia è R normale.

    • Prinota un tavulu ranni ca semu assai.


      • (Rinforzata: - Stu tavulu è granni pi cuattru chi semu.)


    • Chiuri a rara du jardinu!


      • (Rinforzata: - Chissa fu grara ca nun zi potti chiuriri. )





Ci sono alcune parole, che iniziano col gruppo "GR", in cui la G è, e resta, dura.
Si chiamano parole amorfe:
Griggiu, Gravi, Grillu (Rashina), Gruppu (quantità), . . .



____________


La consonante "R Base", si scrive semplice, normale.

  • Quando è interna alla parola si pronuncia semplice, normale: Aratu, Niuru, Mari, Oru.


  • Cuando la "R Base" è in principio di parola ( Russu, Ririri, Rota ), invece...:



    • Se questa parola ha davanti una sillaba rinforzante ( a, e, è, chiù, . . .),

      la "R Base" si pronuncia doppia:



      • E' (r)russu, Pi (r)ririri, Cuarche (r)rota, ...





    • Se questa parola non ha davanti una sillaba rinforzante,
      la "R Base" viene pronunciata . . .



      • O DOPPIA

      • O DEBOLE


        • Mai semplice, normale.



      La decisione di pronunciarla doppia o debole dipende da colui che parla o legge,
      a secondo l'importanza e il senso che vuole dare alle sue parole.





  • Quando si pronuncia la R semplice, normale, il sopra della punta della lingua
    (2 cm circa), appoggia sulle gengive superiori. Quando passa l'aria,
    vibra contro le gengive e fa il suono R.




  • Per fare il suono doppio, si pronuncia più forte.




  • Quando si pronuncia la R debole (Rh), la punta delle lingua va dritta
    contro l'attacco tra i denti e le gengive superiori.

    Quando passa l'aria, la lingua non vibra, ma la lascia passare strisciata, sibilante, sonora
    contro i denti quasi chiusi.

    La modulazione caratteristica all'aria strisciata, la da il tremolo e le vibrazioni delle corde vocali.







  • Qui alcune parole che iniziano con la consonante R Base:


    Rabbia, Raccamu, Rashina, Rashoppu, Raddhu, Rarica, Rarìsha, Rariri, Ragghiu, Raggia, Raggiuni, Rama, Rampa, Ramu, Rapashi, Rappa, Raru, Raspa, Rata, Razza, Re, Reshita, Reggistru,Reula, Resca, restu, Riccu, Ricotta, Ririri, Rifiutu, Riga, Rialu, Rima, Rimorsu, Rimu, Rina, Ripa, Riposu, Risata, Risettu, Risina, Rispiru, Risposta, Ristagnu, Ristuccia, Risu, Ritegnu, Riti, Rizza, Robba, Rosa, Rota, Ruccheddhu, Rugnuni, Ruina, Rumpiri, Runfuliari, Rusicu, Russu, Ruvulu.



    A secondo dell'assonanza, delle cacofonie e del senso che si vuole dare,
    si decide sulla pronuncia doppia o debole.
    Esempio:




    • Ti retti a rrashina pi mancialla, no pi ghittalla n terra.

      [La R è doppia, nonostante la 'a' davanti a 'rashina' è articolo, e non è rinforzante ]




    • U Zibbibbu è na rashina zuccarina .

      [Qui la R, per me, suona meglio debole (Rh)]



    • Ma si scrive sempre e solo 'Rashina'.





  • 'D, S, ST, T', e appresso viene la R Base, formano Fonemi Autoctoni:



    • Drappu - Drhappu

    • Sraricari - Srharicari

    • Strata - Strhata

    • Trenu - Trhenu





    Sono Fonemi autoctoni così particolari, che debbono essere imparati prima di poterli pronunziare.
    Ma nello scrivere questi fonemi autoctoni, si usa la 'R normale':


    • Dr

    • Sr

    • Tr

    • Str








      Dernière édition par Seapard le Monday 23 Sep 13, 20:47; édité 13 fois
    Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
    Seapard



    Inscrit le: 14 Aug 2007
    Messages: 22
    Lieu: Sicile

    Messageécrit le Thursday 27 Mar 08, 5:38 Répondre en citant ce message   

    .

    Stiamo cercando il modo di rendere lo scritto fedele al modo di parlare della gente siciliana.
    Qui lo studio: http://www.terralab.it/sishilianu/index.htm

    Ci sono problemi di fonetica e di ortografia, ma troveremo il modo di risolverli con l'aiuto dei siciliani.

    Uno dei problemi è la C. Siccome questa consonante in siciliano può essere o debole ( Shi ) o forte ( Ci ), sarebbe necessario un segno fonetico per scrivere la C debole, oppure usare la H come abbiamo fatto nell' esempio: Shauru.
    Questa consonante non è da confondere con Sci che ha un' altra pronuncia: Sceccu.

    La consonante D ha diverse gradazioni di pronuncia e di scrittura:

      Intanto può essere debole R (u renti), o forte D (tri denti).

      Poi c' è la variante palatale (Cacuminale) Dh: Dhocu, Dhà, addhuari. Finora questa consonante è stata scritta con la doppia d (dd), ma ci sono sì parole che vengono scritte con la d doppia dentale: Addumari, Adduluratu, addiunu . . . ,
      per questo la nostra consonante palatale dobbiamo distinguerla con Dh.

      Quando la 'D' segue la consonante nasale N, anch' essa diventa 'N'. Però quando ci sono parole che creano confusione, è da vedere se è il caso: n doti - n noti.


    La consonante J ha tre gradazioni di pronuncia:

      'U Jornu', è la pronuncia debole.
      'A ghiornu fattu', è la pronuncia forte.
      'Un gnornu', è la pronuncia nasale


    La consonante 'G dura' Ha pure le gradazioni debole (aspirata: ' ) e forte, che sareppe la forma palatale. Ma ha anche una forma autoctona nasale di cui è meglio informarsi nel Sito. Si scrive N Ghana.

    'Drh, Strh, Trh' sono fonemi autoctoni di una pronuncia così particolare, che è un peccato non metterli in evidenza, magari con la 'R debole= Rh'. Ma è una consonante che, conoscendo le parole corrispondenti italiane, ci si sente a disagio a scrivere, perciò: Dr, Tr, Str.

    E qui un altro disagio angora: La S dopo la N si scrive Z: Unn zugnu n Zishilia pi casu, ma picchì ci nascivi.

    La V è aspirata anch'essa quando è debole: 'Ucca, 'Utti.
    Quando è forte si scrive normale. Ma talvolta Il 'Forte' diventa particolare: E' beru, Pi bushi.
    Se segue la 'N', poi diventa M: Nmeshi, Nmernu, N Mucca.

    A questi problemi ortografici si aggiungono delle particolartà fonetiche che qui accenno:
    IL fatto che ci siano delle consonanti deboli e forti, dipende dal fatto che dopo una sillaba breve la consonante debole cambia a forte. Per cui succede, mentre si scrive una parola, che la sillaba iniziale di questa, a seconda se segue una sillaba breve o lunga, viene scritta in modo differente, con tutte le complicazioni che questo comporta e di cui abbiamo accennato qualcosa prima.

    Per avere un quadro più chiaro è meglio visitare il sito terralab

    .


    Dernière édition par Seapard le Monday 23 Sep 13, 21:06; édité 6 fois
    Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
    giòrss



    Inscrit le: 02 Aug 2007
    Messages: 2778
    Lieu: Barge - Piemont

    Messageécrit le Thursday 27 Mar 08, 19:19 Répondre en citant ce message   

    Guarda, il problema della trascrizione fonetica esiste un po' in tutti i gruppi dialettali romanzi (se vuoi puoi cambiare dialetto con lingua, ma non cambia nulla di concreto nella mia affermazione).

    Il siciliano non è una lingua unica, ma un gruppo dialettale complesso (esattamente come ogni altro gruppo dialettale regionale neolatino), che mostra similitudini interne e differenze, specialmente nella pronuncia.
    Ora, se si vuole far vedere come si pronuncia esattamente il dialetto di un luogo, certamente bisogna fare come dici tu, ma se invece si vuole scrivere in modo da essere compresi in tutta la regione interessata, bisogna evitare la scrittura fonetica e superarla, cercando una via di mezzo (artificiale quanto vuoi) perché tutti capiscano.

    D'altra parte, le lingue nazionali non sono forse artificiali? E l'italiano più artificiale delle altre, visto che non si parlava da nessuna parte?
    Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
    Luc de Provence



    Inscrit le: 11 Jul 2007
    Messages: 682
    Lieu: Marseille

    Messageécrit le Thursday 27 Mar 08, 21:29 Répondre en citant ce message   

    Mi sembra che scrivendo con una grafia concorde colla tradizione la gente capirà più facilmente.
    O si fa una Lingua o si fa il teatro dialettale scrivendo come Martoglio che predileggeva il sapore dell'immediatezza !
    Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
    Seapard



    Inscrit le: 14 Aug 2007
    Messages: 22
    Lieu: Sicile

    Messageécrit le Thursday 27 Mar 08, 22:57 Répondre en citant ce message   

    La differenza tra la lingua siciliana e le altre lingue è che mentre tutti fanno di tutto per adattare la scrittura alla pronuncia ( lo fa l'Italiano, Il Francese, lo Spagnolo, ecc. ), in Sicilia ci siamo curati poco della nostra lingua e come scriverla.

    Già pochi parlando distinguono la nostra consonante SH da SC. Questo perché in sicilia non c'è mai stato il culto della lingua siciliana e coloro che hanno scritto in siciliano hanno seguito una fonetica italiana, non siciliana.

    Io lo vedo come i francesi combinano le lettere per esprimere un loro fonema. Il siciliano è ricco di fonemi autoctoni, ma nessuno li cura. Nessuno si impegna ad evidenziare i suoni siciliani e scriverli.
    Le più semplici regole di grammatica vengono sacrificate ad un modo sciatto di scrivere il siciliano, mentre se si passa ad un' altra lingua se ne conoscono tutte le regole e le eccezzioni.

    À quoi sert une langue qui aucun parle?
    À maintenant, il y a peu de gens qui distinguent (par exemple: Parce que n' il y a plus de jeunes mères qui parlent sicilien) nôtre consonne SH de SC, e ça est une consonne autoctone sicilienne. Comme j' envie les françaises qui distinguent la Ç de S, pouquoi nous siciliens ne pouvon faire la même chose?
    Les françaises ont étudié le système de mettre par écrit leur langage. La même chose devons faire nous siciliens.

    Pour ça on a étudié ici.

    .


    Dernière édition par Seapard le Thursday 23 Aug 12, 22:21; édité 5 fois
    Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
    Montrer les messages depuis:   
    Créer un nouveau sujet Répondre au sujet Forum Babel Index -> Forum italien Aller à la page Précédente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Suivante
    Page 2 sur 7


    






    phpBB (c) 2001-2008