Projet Babel forum Babel
Contact - Règles du forum - Index du projet - Babéliens
INSCRIPTION - Connexion - Profil - Messages personnels
Clavier - Dictionnaires

Dictionnaire Babel

recherche sur le forum
Corsu (corse, corso) - Forum italien - Forum Babel
Corsu (corse, corso)
Aller à la page Précédente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Suivante
Créer un nouveau sujet Répondre au sujet Forum Babel Index -> Forum italien
Voir le sujet précédent :: Voir le sujet suivant
Auteur Message
Nikura



Inscrit le: 08 Nov 2005
Messages: 2038
Lieu: Barcino / Brigantio

Messageécrit le Saturday 30 Dec 06, 1:42 Répondre en citant ce message   

Non è una competizione di ortografia, si trata di rispetto delle lingue scrivendole bene.

E non dirmi che mettere un accento fa perdere tempo... Puoi scrivere con una tastiera inglese, ugualmente abbiamo la possibilità di mettere gli accenti utilizzando quello che c'è sotto il quadro quando scrivi un messaggio... Supongo che non l'avevi visto. Così lo saprai... Clin d'œil
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
jean-baptiste



Inscrit le: 28 Jan 2005
Messages: 51

Messageécrit le Sunday 08 Apr 07, 8:32 Répondre en citant ce message   

U mo scrittu ghjè in corsu.
A differenza più grende trà u corsu è u talianu hè quella di a prununzia. Mi si pare di l'avella già spiegatu nant'à un antru filu di stu foru.
Ancu sè ci sò parolle differente ... à buzeffu !
falà : scendere
daretu : (in) dietro
ghjallicu : abete
ghjallà : freddare
ecc...

Ma attenti chè u corsu ùn si prununzia cume hè scrittu :

S'o dicu .... ci vole à leghje .... [U dà u sonu OU in francese]
A fata hà a pena in capu ... A VADA A A BEN IN KABU
Ma tù, ti sente u to ditu grossu ... MA DU, TI ZENNTÈ U DO IDU ROSSU
Ci simu sbagliati è simu stati à u grataghju ... TCHI ZIMU ZBALIADI È SIMU STADI A U RADADIU
L'ochji turchini mi piàcenu ... LOTII DURKINI MI BIADJÈNU
U vinu bonu ... U UINU ONU
U vinu hè bonu ... U UINU È BONU
Un vinu bonu ... UNN BINU ONU
U gustu hè dilicatu ... U USTU È DILIGADU
E bracce càscanu ... E RATCHÈ GASKANU
Dammi u ghjacciu, innò trè ghjacci ... DAMMI OU YATCHU, INNO, TRÈ DYATCHI
ecc....
puderebbi scrivene torna ... à millaie

Possu dì chè e letter CHJ è GHJ ùn esistenu in talianu è danu u sonu TYÈ (tien, tiare) è DYÈ (Dieu, diacre).
Occhio (OKIO) ---> ochju (OTYU)
Chiaro (KIARO) ---> chjaru (TYARU)
Maggio (MADJO) ---> maghju (MADYU)
giaccio (DJATCHO) ---> ghjacciu (DYATCHU)



Mi maravigliu quand'unu (talianu) dice ch'ellu hà intesu parlà corsu ... è ch'ellu hà capitu tuttu. Travagliu cù un francese chì parla talianu ... è quand'o li parlu corsu ... strazia per capì ! S'o scrivu, allora sì ch'ellu capisce subitu.
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
Doge



Inscrit le: 20 Jun 2007
Messages: 8
Lieu: Munegia (Moneglia), Repübrega de Zena

Messageécrit le Tuesday 03 Jul 07, 23:02 Répondre en citant ce message   

Generalmente, con i miei tanti amici corsi parlo in genovese e loro mi rispondono in corso. Ci capiamo al 90%. Per il restante 10% ci aiutiamo col francese...
La parlata corsa, sia essa intesa come una lingua neolatina o altro, non è univoca in tutta l'isola. Si nota una grande differenza storica tra la parte orientale e quella occidentale (il corso di Bastia è molto differente dal corso di Ajaccio). I francesismi sono pesantemente presenti su tutto il littorale mentre nella Corsica montana sono più rari.
Sostenere che il corso sia un linguaggio non italiano può anche essere condiviso, seppur con molte riserve. Perchè comunque la Corsica appartiene alla regione fisica e linguistica italiana. E su questo, scusatemi, non ci piove. E' sufficiente dare una scorta alla toponomastica per rendersene conto: con l'eccezione di Saint Florent, Sartene e pochissimi altri casi tutti i toponimi geografici corsi sono italiani. O no?
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
MiccaSoffiu



Inscrit le: 24 Jun 2008
Messages: 463
Lieu: Capicursinu-Sophia

Messageécrit le Friday 27 Jun 08, 13:01 Répondre en citant ce message   

Saluti à tutti,
Parlu u corsu, cuminciu dipoi pocu à scrivelu.
Pè u talianu, ùn sò micca in gradu di scrive.
Nant’a à RETA ci sò parechji liami chì ponu aiutabi à ave un principiu di ghjudiziu, cum’è :
Banca di dati di a lingua corsa
http://infcor.adecec.net/
http://eiustessu.ifrance.com/
Aghju messu, qui, nant’à un filu di u foru di i « Babèliens » qualqui parolli in corsu, pudete cumpara cù u talianu, è serebi bè d’avè votra traduczione in Talianu.
http://projetbabel.org/forum/viewtopic.php?t=10349&start=30

Esempiu :
français :
"Ils disent que c'est le plus beau pays du monde"...
roumain: Zic că e(ste) cea mai frumoasă ţară/cel mai frumos loc din lume. (trad. Andras)
sardu logudoresu:
"Nàrana chi èst su lógu piùs béllu de su Mundu;
sardu campidanesu:
"Nàrant(a) chi è(st) su lógu prus béllu de su Mundu
corsu :
"Dicenu chì ghjè u più bellu paese di u mondu
oc. Dison qu'es lo luèc mai bel del mond(e)
it. Dicono che è il luogo più bello del mondo

ci mancà pè u talianu :

Maestru sai bè , chì chelli di so fatti stanu mutti,
Anu fattu tante è piu chè chelli cù i detti o scritti

La version corse : La traduction est approximative.
Pè u sugettu di à prussimità cù à matterna latinà,
cù u pocu di rumanu chì mi sò instruitu,
ùn possu chè cunstatà à stu puntu di à partita,
chè cù u corsu l’altri manc’un piegu facenu.
Possu à surella è amica di u sardu dane una.
U corsu ellu di u matternu à sempre u suttu.
Di matternu suttu à sempre.
Di matternu sempre succhià

Vostru avisu ?

Eccuci
Ringrazi è amicizia à tutti i Babèliens.

ps Doge ti rispunderaghiu più tardi sè tu ùn capisci u frencese
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
giòrss



Inscrit le: 02 Aug 2007
Messages: 2777
Lieu: Barge - Piemont

Messageécrit le Friday 27 Jun 08, 13:57 Répondre en citant ce message   

Certo che per un Italiano fa un po' effetto leggere una parlata romanza del genere.
Non siamo abituati.

La "u" finale denota un tratto arcaico. In pratica, così si presentavabno le terminazioni romanze iniziali al caso maschile.
In Italia, ciò si è mantenuto in certe regioni meridionali.
Inoltre, parzialmente, in Liguria.
Ancora più parzialmente in Piemonte (per esempio, in Diu (pr. Diou).

L'uso di "micca" è centro-settentrionale.

"Traduczione", con quella c mediana, mi puzza di francesismo.

Il "ghijé" è un tratto settentrionale.

Poi ci sono infiniti arcaismi toscani e centrali.

Insomma, è un dialetto romanzo italiano. Non un dialetto della lingua italiana: in quanto non esistono dialetti di questa lingua artificiale (checché si racconti).
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
Luc de Provence



Inscrit le: 11 Jul 2007
Messages: 682
Lieu: Marseille

Messageécrit le Friday 27 Jun 08, 13:58 Répondre en citant ce message   

Amicu Corsu,
J'apprécie beaucoup le corse dans ses deux aspects et je consulte souvent " la langue corse " de M.J Dalbera-Stefanaggi dans la collection " Que sais-je ? " numéro 3641 P.U.F.
Depuis toujours j'écoute des dizaines de disques d'Antoine Ciosi et bien d'autres aujourd'hui un peu révolus au goût de certains, les jeunes diraient " rétro ".....
il existe une très belle chanson interprétée par Antoine Ciosi qui dit :

" Lasciami coglie le to' labbra cume un fiore
In questu mondu la mio' passione si' tu.
Veni a ballà, a vita è troppu amara
Una ghitarra sentu sunà.
Veni qui in ultima strinta
Vicinu a te vogliu dimenticà
Di una sera a to' prumessa mica u mio core ha sapiutu ingannà.
Un ti n'andà e fammi dinù crede ch'aghju sugnatu e chi si sempre a me
Ind' u mio core aghju guardatu a fede
Aghju guardatu u mio amore per te ".

En Italien on dirait :

" Lasciami coglier le tue labbra come un fiore
In questo mondo la mia passione sei tu
Vieni a ballar la vita è troppo amara
Una chitarra sento suonar
Vieni qui in ultima strinta
Vicin a te voglio dimenticar
Di una sera la tua promessa mica il mio cuor ha saputo ingannar
Non te ne andar e fammi di nuovo creder che ho sognato e che sei sempre mia
Nel mio cuor ho tenuto la fede
Ho tenuto il mio amore per te. "

Une autre chanson interprétée par Antoine Ciosi et créée par G.P Poletti est " Di Te "

" E mi ferma di te un surrisu segretu
chi cerca in lu mio pettu l'ardente zitellina
E mi ferma di te a chjoma luminosa
Di una stella ascosa cascata in la mattina
E chi vene a l'incontru di la mio vita
E mi ferma di te cume un ricordu santu
Chi cerca lu so cantu in la tomba smarritu
E mi ferma di te u ventu chi s'intesta
A spuglià la furesta a l'autunnu finitu
E chi vene a l'incontru di la mio vita
E mi ferma di te u fiume maestosu
Chi fala furiosu a l'assaltu di e piane
E mi ferma di te quella dolce carezza
Chi scacciava a tristezza da ogni l'indumane
E chi vene a l'incontru di la mio vita
E mi ferma di te quella lacrima amara
D'una zitella cara chi cercava un destinu
E mi ferma di te quella ferita vecchjia
Chi ogni tantu si specchja nantu a lu mio camminu
E chi vene a ripiglià la mio vita ".

Ce sont des paroles d'une grande sensibilité et d'une langue limpide. Bien sûr c'est du Corse et pas de l'Italien mais çà va droit au coeur ..... sans dictionnaire Corse-Italien.
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
MiccaSoffiu



Inscrit le: 24 Jun 2008
Messages: 463
Lieu: Capicursinu-Sophia

Messageécrit le Friday 27 Jun 08, 21:58 Répondre en citant ce message   

Luc de Provence,
Ringrazi pè e canzone , d’interessu pè cumparà

Giòrss :
Ringrazi, dui punti : arcaicu è dialettu
Sè a parolla « arcaicu » vole bè di, un ne dubiteghju micca, « Chì hè moltu anticu » cù u valore di l’anticu, scarsulatu, è micca a u sensu peghjurativu senza valore, allora,

Per dingulina, fussi la puru, antica cum’è a matterna latina chì sempre a corsa suchje.

hè un bellu cumplimentu, di à lingua di U Dante à a lingua corsa chì à sapiutu di l’antichi l’usi tenesi.
Cum’è a so surella sarda, a corsa RETA pè INTERNET a sapiutu chjamà.
l'Accademia della Crusa è l’Academie Française si sò elle scurdate di a mamma.
In cantina in casa mèa, si truva una pressà antica dipoi seculi è possu scrive in corsu :

"U fusu di u torchiu* hè fattu di bussu."

Veru latinu, una maraviglia sta musica di parolli cù i « U’ » , si sente a mamma
* Torculum

U dialettu o a lingua :
Pè ciò chì serebi a definizione, u corsu hè una lingua italo-romana cum’è tutte l’altre lingue è micca un dialettu.
U corsu face partita di l’essame di u baccalaureat, micca i dialetti.
Definizione corse :
http://infcor.adecec.net/
arcaicu :
definizione: Chì hè moltu anticu: un stile arcaicu; usi arcaichi.
talianu: arcaico
etimulugia: da u latinu litterariu: archaicu(m), da u grecu: arcahikos
dialettu
francese: dialecte
definizione: LINGUISTICA. Parlà lucale d'una lingua: u dialettu bunifazincu.
talianu: dialetto
lingua
francese: langue
definizione:.- Inseme di u vucabulariu è di e strutture grammaticale proprie à un populu: a lingua corsa; a lingua francese; a lingua inglese...: studià, capì, parlà, scrive una lingua.- U modu d'espressione propria à un arte, una scienza: lingua litteraria, tecnica, ghjuridica.
talianu: lingua
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
giòrss



Inscrit le: 02 Aug 2007
Messages: 2777
Lieu: Barge - Piemont

Messageécrit le Sunday 29 Jun 08, 19:48 Répondre en citant ce message   

Uè, bimbo...!
Arcaico, in linguistica significa maggiormente aderente alla matrice.
Stop.
Non è una qualificazione negativa.
Casomai indica isolamento...e la Corsica è un'isola.

La definizione italiana di dialetto non è quella francese (che offri tu).
Lo era in epoca fascista: il fascismo era nazionalista e riteneva che le parlate locali fossero varianti della unica lingua nazionale.

DEFINIZIONE ITALIANA DI DIALETTO

Citation:
Il "dialetto" altro non è che un "idioma" con una sua caratterizzazione territoriale a prescindere da qualsiasi legame con altri idiomi vicini (che possono esistere o meno) o con la lingua ufficiale (o lingue ufficiali) che vige nel suo territorio di pertinenza, idioma però che a differenza di altri idiomi non ha riconosciuto il rango di lingua perché non presenta (o non gli si riconosce) un uso ufficiale o comunque prestigioso. Questa seconda accezione è usata soltanto dai linguisti italiani.


Inoltre, io ho detto che il corso è un "dialetto neolatino" (il che significa un'evoluzione locale del latino: naturalmente, influenzata da altri dialetti neolatini dell'Italia continentale, con cui entrò in contatto).
Non ho detto che sia un "dialetto dell'italiano".
Casomai è un "dialetto neolatino dell'Italia", in senso culturale e non politico. Quindi un dialetto italiano, ma non dell'italiano.
Perché in senso culturale la Corsica ha sempre compartecipato all'ambito italiano, fino all'inserzione artificiale in quello francese.
(Che vi piaccia o meno).

P.S. Anche in Italia, si può dire "Rete" per dire Internet.
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
giòrss



Inscrit le: 02 Aug 2007
Messages: 2777
Lieu: Barge - Piemont

Messageécrit le Sunday 29 Jun 08, 19:58 Répondre en citant ce message   

Luc:

Citation:
Vieni qui in ultima strinta
Citation:


non è italiano. In quella lingua suonerebbe: "Vieni qui e dammi un'ultimo abbraccio".
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
Luc de Provence



Inscrit le: 11 Jul 2007
Messages: 682
Lieu: Marseille

Messageécrit le Sunday 29 Jun 08, 21:39 Répondre en citant ce message   

Si, difatti la parola " strinta " sarà un francesismo che viene da " étreinte ". moqueur
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
giòrss



Inscrit le: 02 Aug 2007
Messages: 2777
Lieu: Barge - Piemont

Messageécrit le Monday 30 Jun 08, 15:15 Répondre en citant ce message   

No, deve essere un arcaismo.
In italiano si dice: mi abbracciò con una forte stretta; mi diede una forte stretta.
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
Luc de Provence



Inscrit le: 11 Jul 2007
Messages: 682
Lieu: Marseille

Messageécrit le Monday 30 Jun 08, 15:30 Répondre en citant ce message   

- un arcaismo come " in ibrido connubio "... mort de rire
- non saprei dire se in italiano si puo' dire " mi ferma di te " nel senso di raffigurarsi di qualcuno.
- i Corsi adoperano la parola " ascosu " come il Dante quando scriveva " li versi ascosi " ma adoperano anche il verbo " piattà "...
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
giòrss



Inscrit le: 02 Aug 2007
Messages: 2777
Lieu: Barge - Piemont

Messageécrit le Tuesday 01 Jul 08, 11:57 Répondre en citant ce message   

In effetti, non si può dire "mi fermo (non ferma) di te", ma tutti, in Italia sanno cosa significa "ascoso", perché è un termine che si trova in tutte le poesie, fino al XIX secolo.

Parlando di nascondere...

In piemontese, generalmente non usiamo, però il verbo "nascondere" (scoundi), preferendo quello "stërmé" (cioè, "creare un schermo").
Infatti, giocare a nascondino = djugué a stërmé-se.
In italiano, però, esiste il verbo "schermirsi", che significa letteralmente "creare uno schermo per sè stessi, di fronte alle adulazioni". Uno che non voglia sentire lodi, si schermisce.
Interessante anche vedere come le mamme ci insegnino a schermirci.
Per esempio: fin da bambino, ci dicono apertamente che dobbiamo vestirci bene e non andare in giro disordinati, ma ci fanno capire con l'esempio che non bisogna mai vantarsi dei proprii abiti.
Quindi, se tu dici a un Italiano: "Che bella giacca che hai!". Molto spesso ti sentirai rispondere: "Sì, grazie, ma è una cosa vecchia...".
Far complimenti sugli abiti altrui è considerato di cattivo gusto, specialmente tra uomini.
Per il resto, i complimenti degli uomini alle donne si sa che sono tutti "finalizzati a...".

(pane al pane e vino al vino)
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
MiccaSoffiu



Inscrit le: 24 Jun 2008
Messages: 463
Lieu: Capicursinu-Sophia

Messageécrit le Wednesday 09 Jul 08, 19:56 Répondre en citant ce message   

Circu un due si pò truva canti o scritti chì s'assumiglanu a i corsi :
Puru antichi ? in due ?

Cum’è : chjam'è rispondi... , : paghjella chjam'è rispondi... :

http://foru-corsu.forumactif.com/chjam-e-rispondi-f7/ampara-u-chjam-e-rispondi-t1527.htm

paghjellà, paghjillà, impaghjellà, impaghjillà
definizione: Cantà in paghjella: i vedi, avà si sò trovi per paghjellà.
paghjella, paghiella
definizione: Cantu pupulare à duie voce (di paghju). Pè u più, oghje ghjornu, stu cantu hè à trè voce (altu, bassu è terza). A seconda principia sola, poi vene a terza (squilla), u bassu vene subitu in appoghju.- A terza permette dipiù libertà in u cantu.
etimulugia: da paghju

paghju, paghiu, paiu
etimulugia: da u lat. paia
sinonimi: paru, coppiu, piccia, paghjata


Dernière édition par MiccaSoffiu le Monday 14 Jul 08, 7:59; édité 1 fois
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
giòrss



Inscrit le: 02 Aug 2007
Messages: 2777
Lieu: Barge - Piemont

Messageécrit le Friday 11 Jul 08, 14:38 Répondre en citant ce message   

Sarebbero come gli stornelli romani e toscani???
Voir le profil du Babélien Envoyer un message personnel
Montrer les messages depuis:   
Créer un nouveau sujet Répondre au sujet Forum Babel Index -> Forum italien Aller à la page Précédente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Suivante
Page 2 sur 8









phpBB (c) 2001-2008